Tag:nucleare

Referendum, SI all’acqua pubblica, soprattutto

Sembra che ci sia stato un gran fermento intorno alla questione Nucleare. Domenica 12 e Lunedi 13 viene chiesta la nostra opinione sul questo importante tema. MA NON E’ IL SOLO.

Badwireless è molto attento alla tematica dell’acqua, per questo non possiamo non ricordarvi che
Do­me­nica 12 giu­gno 2011, dalle 8:00 alle 22:00 e Lu­nedì 13 giu­gno 2011, dalle 7:00 alle 15:00 si vota anche per il futuro dell’acqua.
Non facciamo passare inosservato questo referendum. Ci hanno già provato quando il governo ha scelto di fare il referendum separato dal voto amministrativo.

ACQUA BENE COMUNE: E’ impensabile applicare le leggi del libero commercio ad un bene come l’acqua, che è una necessità e non un semplice bene di consumo. Vota SI, per difendere il diritto elementare di ognuno di noi a bere e a lavarsi. Che nessuno speculi su queste cose.

La prima di colore rosso serve per abrogare la legge che OBBLIGA i comuni italiani a dare la gestione degli acquedotti ad azienda private. In provincia di Arezzo questo incubo è già una realtà:

Il caso di Arezzo (ANSA – 18 marzo 2010). Mentre in Parlamento si discute del D.Lgs. Ronchi, da 10 anni l’acqua arriva nelle case degli aretini privatizzata con i servizi Nuove Acque. La società e’ nata nel 1999, prima in Italia, ‘ed e’ da 10 anni – spiega Franca Fuochi di FederConsumatori – che i cittadini pagano una delle tariffe piu’ alte d’Italia’, circa 400 euro l’anno secondo il rapporto Blue Book 2009.

Dobbiamo precisare che quello che viene privatizzato è la gestione dell’acqua, ovvero il controllo delle infrastrutture che trasportano l’acqua fino alle nostre case. Questo di fatto si traduce in un controllo sulla stessa acqua, per cui è lecito parlare di privatizzatione della’acqua.

La seconda scheda di colore gialloci chiede se vogliamo abolire la legge che impone la determinazione delle tariffe secondo logiche di libero mercato. Non abbiamo nulla in contrario al libero mercato che, grazie alla legge della domanda e dell’offerta, ci ha garantito un economia florida e molti lussi. Ma l’acqua non può essere soggetta alla legge della domanda e dell’offerta perchè, QUALUNQUE PREZZO CI VIENE IMPOSTO, NON NE POSSIAMO FARE A MENO.

Ecco una schietta e provocatoria riflessione sul business dell’acqua.

Riporto le domande dei due referendum.

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 1 – SCHEDA DI COLORE ROSSO
“Vo­lete voi che sia abro­gato l’art. 23 bis (Ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza eco­no­mica) del de­creto legge 25 giu­gno 2008 n.112 “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 6 ago­sto 2008, n.133, come mo­di­fi­cato dall’art.30, comma 26 della legge 23 lu­glio 2009, n.99 re­cante “Di­spo­si­zioni per lo svi­luppo e l’internazionalizzazione delle im­prese, non­ché in ma­te­ria di ener­gia” e dall’art.15 del de­creto legge 25 set­tem­bre 2009, n.135, re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per l’attuazione di ob­bli­ghi co­mu­ni­tari e per l’esecuzione di sen­tenze della corte di giu­sti­zia della Co­mu­nità eu­ro­pea” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 20 no­vem­bre 2009, n.166, nel te­sto ri­sul­tante a se­guito della sen­tenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?”.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la pri­va­tiz­za­zione dell’acqua e con­tro la ge­stione dei ser­vizi idrici da parte di pri­vati.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione attuale.

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 2 – SCHEDA DI COLORE GIALLO
“Vo­lete voi che sia abro­gato il comma 1, dell’art. 154 (Ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato) del De­creto Le­gi­sla­tivo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in ma­te­ria am­bien­tale”, li­mi­ta­ta­mente alla se­guente parte: “dell’adeguatezza della re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale investito”?”.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la norma che per­met­tere il pro­fitto (non il re­cu­pero dei co­sti di ge­stione e di in­ve­sti­mento, ma il gua­da­gno d’impresa) nell’erogazione del bene Ac­qua po­ta­bile.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che am­mette tale guadagno.




Referendum in difesa dell’acqua pubblica

Sulla scia della nostra campagna in difesa della salute e dell’acqua, segnaliamo l’iniziativa “Io voto il 29 maggio”.
Entro giugno ci saranno 4 referendum.
Uno in difesa della giustizia, contro il legittimo impedimento.
Due in difesa dell’acqua pubblica.
Uno contro il ritorno al nucleare.

C’è una data perfetta per andare a votare: il 29 maggio, insieme alle
amministrative. Senza costi aggiuntivi per lo Stato, cioè per tutti noi.
Qualcuno cercherà di spostare i referendum a giugno, sprecando
circa 350 milioni di euro di soldi pubblici.
Qual è il loro obiettivo? Spingere i cittadini a non andare a votare, al contrario
di quello che dice la Costituzione: garantire il massimo di partecipazione
nelle consultazioni elettorali.
Una rapina ai danni di tutti noi per finanziare una truffa alla democrazia.
I referendum sono una via democratica e pulita per partecipare alla vita politica, senza giochi di palazzo.
A fine di coinvolgere quanti più Cittadini possibili (amici, parenti, conoscenti …) diffondi e condividi questo messaggio.

Perchè un referendum sull’acqua?

Partiti, multinazionali, banche e i soliti imprenditori con gli agganci giusti stanno mettendo le mani sulle aziende pubbliche dell’acqua e sui rubinetti di milioni d’italiani. Fra questi potresti esserci anche tu. Il governo da un anno ha varato una norma che obbliga le aziende pubbliche a dismettere buona parte del loro capitale a favore dei privati entro il 2011.
Da anni, una grande coalizione sociale e cittadina cerca, invece, di difendere la gestione pubblica dell’acqua promuovendo il controllo e la partecipazione diretta dei cittadini alle decisioni su un bene comune di vitale importanza.
Visita il sito http://www.referendumacqua.it

Perchè un referendum sul nucleare?
Le centrali nucleari sono enormemente costose e, anche se forniscono molta energia, l’elettricità che producono costa più di quella convenzionale. Le scorie costituiscono un incubo permanente per milioni di anni, diffondono nei dintorni dei loro siti degli inquinanti radioattivi estremamente pericolosi anche nel lungo pericolo, come dimostrano studi tedeschi sulle leucemie infantili, un incidente in una centrale nucleare è sempre catastrofico e gli effetti durano per un periodo non quantificabile.
Mario Tozzi ce lo spiega meglio nel suo blog:
1 – I siti impossibili
2 – Riserve di uranio
3 – Gli incidenti
4 – I vantaggi
5 – Tentativo di sintesi
Centrali Italiane
Dopo il nucleare – sono stato ad Hiroshima


Decisamente interessante anche l’inchiesta di Report sul nucleare.
Informiamoci.

EDIT: La data per il referendum è stata decisa: si voterà DOMENICA 12 e LUNEDI 13 GIUGNO.  Adesso non rimane che esprimere la propria opinione alle urne.