La palestra 2.0

La palestra 2.0

Quali sono gli imperativi morali della filosofia sportiva più in voga? Semplice: cura dell’estetica e del corpo, ma anche salute e benessere psico-fisico. Per decenni le palestre sono state dei luoghi di culto consacrati alla bellezza del corpo.
Per gli abbonati “medi” alla palestra, ovvero coloro che si iscrivevano per dimagrire o ridurre la pancetta, era molto facile avvertire soggezione e disagio di fronte agli adoni della sala pesi, cioè a tutti quei body builder dal ventre scolpito e dai glutei d’acciaio.
Per fortuna, oggi il cliché del “palestrato” sta passando di moda e i proprietari delle palestre stanno adottando una filosofia del wellness che va oltre l’immagine stereotipata del fitness.
E non finisce qui: per attrarre nuovi clienti, le palestre hanno inglobato nuovi servizi, diventando sempre più hi tech o addirittura geek!

Palestre: la grande trasformazione

Il concetto di sport si è allargato fino a comprendere, oltre all’allenamento in sé, anche la cura dell’alimentazione, il controllo del proprio stato di salute complessivo e un’attenzione costante all’estetica.
La palestra è perciò diventata il luogo in cui ci si allena e ci si prende cura di sé a 360 gradi, grazie alla consulenza di un team di esperti che, oltre agli istruttori, comprende ormai nutrizionisti, estetisti, naturopati, fisioterapisti e medici sportivi.
I centri sportivi hanno così compreso l’importanza della realizzazione di centri benessere in palestra, dove i clienti possono usufruire di pacchetti relax con cui riprendersi dalle fatiche sportive e riuscire a ottenere il corretto recupero muscolare. Tanto coloro che appartengono al mondo dell’agonismo quanto quelli che si allenano solo per il proprio benessere possono trarre enormi benefici e riscontri dalla Spa in palestra.
La sauna, che spesso fa parte dei percorsi di benessere dei centri benessere, è uno dei trattamenti migliori per l’atleta, soprattutto nella fase post-allenamento. Esaminiamo la questione più in dettaglio.

Sauna in palestra: tutti i benefici

Come abbiamo spiegato, oggi le palestre prestano molta attenzione al benessere generale degli atleti e al loro recupero muscolare, ecco perché sono sempre di più gli ambienti relax e i centri benessere all’interno delle palestre.
Per quanto riguarda la sauna, sono i medici sportivi a consigliarla dopo l’allenamento, perché aiuta il corpo a recuperare rendendo più rapido lo smaltimento dell’acido lattico.
Durante la sauna il corpo elimina anche le tossine presenti nel sangue, con benefici sia per la circolazione sanguigna sia per il sistema nervoso generale, che si distende e rilassa.
Con il suo calore avvolgente e l’atmosfera ovattata che contraddistingue la sauna, questo trattamento si rivela utile sotto molti punti di vista: aiuta la pelle a respirare e la purifica, contribuisce al miglioramento di tutte le funzioni corporee e regala una sensazione di pace e benessere.
Non bisogna mai scordare di bere molto prima di entrare in una sauna, per non rischiare che il corpo si disidrati a causa dei liquidi persi con l’allenamento e con la sudorazione in sauna.
Per evitare che il fisico risenta del brusco passaggio da una temperatura più fredda a una più calda, molte palestre mettono a disposizione dei clienti anche delle zone di passaggio, con temperature intermedie tra lo spogliatoio e la sauna e degli angoli ristoro con tisane e succhi di frutta. È bene comunque aspettare almeno un quarto d’ora tra la fine dell’allenamento e l’ingresso in sauna.
Per questioni igieniche e per favorire la depurazione del corpo, prima di entrare si deve fare una doccia fredda. Questo aiuta anche ad evitare cali di pressione a causa della temperatura molto alta.

La nuova palestra Hi-tech

Come scrivevamo nell’introduzione, oggi le palestre si muovono principalmente in due direzioni: introducono dei nuovi pacchetti benessere che includono trattamenti come saune e spa, e integrano i servizi tradizionali con i nuovi servizi offerti dalle tecnologie 2.0.
Un importante cambiamento ha riguardato le nuove strategie di web marketing, che si sono aperte ai social network come Facebook, Twitter o Google +. Questo ha permesso, da un lato, di ampliare la clientela delle palestre, e dall’altro di comunicare in modo più efficace con propri clienti già acquisiti.
Ma l’innovazione non si è fermata al marketing e alla comunicazione. Non è raro, infatti, trovare nelle palestre connessioni Wi Fi gratis per i clienti, o schede di allenamento virtuali che vengono riconosciute dalle macchine in sala pesi e che consentono di monitorare i propri progressi o condividerli sui social network.