il caso dei cellulari e la moria delle api

Nel precedente post avevo riportato il caso raro di un politico che si preoccupa di problemi di salute. La sua nota fa riferimento ad un articolo recente pubblicato su Current Science, un bollettino collegato all’Accademia delle Scienze indiana. Cercherò di riassumere i risultati e i metodi di questa ricerca.

I ricercatori hanno collocato due telefoni cellulari accanto ad un alveare, e li hanno tenuti accesi per mezz’ora al giorno. Per controllo, hanno osservato cosa succedeva in un alveare accanto al quale erano stati collocati soltanto cellulari finti. Dopo tre mesi, il isultato: molte meno api operaie sono riuscite a tornare nell’alveare con i cellulari veri. Vi si erano drasticamente ridotte sia la deposizione di uova da parte della regina sia la produzione di miele.
I ricercatori dell’Università del Punjab sostengono che l’elettrosmog, anche se di modesta entità, può interferire con la biologia delle api, dal momento che all’interno del loro corpo c’è della magnetite.
E’ da notare che stato sufficente mantenere i due cellulari semplicemente accesi per mezz’ora al giorno in standby, cioè alla minima potenza! Riporto infine il link all’articolo completo in formato Pdf.